Enrico Suzzani è nato a Codogno il 23 Luglio 1957. Frequenta l’Accademia di Brera con Gianfranco Manara.
Da Manara impara ed assimila i segreti dell’arte naturalistica. Determinante è anche l’incontro con Giuseppe Novello, che attraverso i suoi consigli lo orienta ad una nuova sensibilità per la natura, facendogli scoprire poesia e sentimento nelle cose più semplici. Suzzani ha sete di conoscenza; studia restauro pittorico di oli e dipinti, compie studi su tecniche antiche, apprende l’arte incisoria ad Urbino, presso l’Accademia Raffaello.
Amplia sempre di più il suo bagaglio tecnico e culturale. Si appropria di svariate tecniche calcografiche: acquatinta, acquaforte, maniera nera, maniera zucchero e pittorica. Sempre in evoluzione artistica, si reca spesso in Bretagna, dove studia e riporta temi e colori cari agli impressionisti.
A partire dal 1988 partecipa a rassegne e premi nazionali.
Nel 1996 e 1998 vince il secondo premio nella rassegna ” Premio Carlo dalla Zorza”, organizzato dalla Galleria d’Arte  Ponte Rosso di Milano. Nel 1999 a Lodi gli viene assegnato durante la rassegna “Oldrado da Ponte”, la medaglia d’oro alla memoria di Mons. Luciano Quartieri; partecipa alla “Biennale di Grafica Città di Castelleone” e alla mostra “Incisori Italiani” a Vigonza (PD). Nel 2000 vince il quarto premio della terza edizione Carlo dalla Zorza. Nel Maggio 2003 un suo
“interno nello studio” entra a far parte della Raccolta d’Arte Lamberti di Codogno.
Nel 2006 a Parigi al quarantanovesimo Salone delle Belle Arti, riceve il premio speciale Conseiller Général.  Enrico Suzzani oggi risiede e lavora a Camairago (LO), con studio presso il Castello Borromeo e presso lo Studio Novello a Codogno.