I 120 anni della civica biblioteca “Popolare – Ricca”

Quest’anno la civica biblioteca “Popolare – Luigi Ricca”  festeggerà a maggio i suoi 120 anni: il nucleo originario, ovvero la biblioteca “Popolare” risale al 14 novembre 1869, ed era una delle prime biblioteche popolari d’Italia e per molto tempo la più grande e fornita fra tutte le popolari nella provincia di Milano; nel 1898 poi, grazie alla donazione di oltre 5000 volumi da parte dell’avvocato Luigi Ricca si fuse con un altro nucleo, divenendo ufficialmente la civica biblioteca “Popolare – Luigi Ricca”. A Maggio al Soave, verrà esposto per la prima volta il primo statuto, che da pagina 45 riporta i nomi dei “soci perpetui” della “Popolare”, un susseguirsi di cognomi delle famiglie storiche di Codogno, dai Biancardi ai Cattaneo, dai Grecchi ai Bono, dai Pollaroli ai Folli, dai Cairo ai Belloni, dai Bignami ai Lamberti.

Le pagine ci offrono informazioni notevoli: nel primo anno furono 1.354 i libri letti, di cui 256 in sede e 1.098 a domicilio, in confronto con una città che all’epoca contava poco più di 10 mila abitanti; oltre il 50 per cento dei volumi richiesti erano romanzi, a seguire ecco poi i testi di “scienze pure e applicate” (15.4%) e “storia e geografia (15%), quindi opere di letteratura (12%) ed “educazione” (6.2%).

Una copia dello statuto si trova in America presso la University of Illinois Library at Urbana Champaign e fa parte di una collezione di volumi antichi appartenuti al conte Antonio cavaga di Bereguardo e donata all’ateneo americano.

Join the Discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



arrow
css.php

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi