I ragazzi di Codogno e ” La Licia”

Un altro posto dove molti ragazzi di Codogno amavano recarsi, era la sede di uno stabilimento che  produceva dolciumi. Si chiamava la “Licia” ed era ubicata  dietro il vecchio ospedale “Soave”. Divenne famosa per il  “Bevibene”, primitivo antenato di tutte le odierne bibite. Si trattava di una confezione che serviva per preparare una bevanda. Al suo interno si trovava una bustina per rendere l’acqua frizzante e una vescica da bucare per far uscire una sostanza che serviva per colorare e per dare il gusto alla bevanda. Oltre al “Bevibene” produceva diversi tipi di caramelle, da quelle alla liquirizia a quelle simili alle pastiglie “Valda”. Per molti ragazzi di Codogno fu fonte di gratuito approvvigionamento. Ci andavano  tutti i giorni feriali per tutto l’anno e solo il forte maltempo riusciva a bloccarli. Tutti giorni alla medesima ora, come a un tacito appuntamento, i ragazzi si trovavano in quel posto e aspettavano che i dipendenti finissero la loro giornata di lavoro. Si sapeva che le operaie dopo aver fatto le pulizie,buttavano tutti gli scarti della lavorazioni nei bidoni, per poi svuotarli in uno spiazzo fuori dallo stabilimento. Arivvato quel momento, in uno stato di grande eccitazione, tutti i presenti avrebbero voluto mettersi subito alla ricerca degli scarti che si potevano mangiare, ma si doveva osservare qualche prudenziale regola. Prima i più grandi, poi le bande dei ragazzini più numerose e più organizzate e  da rispettare erano quelle di ” San Giorgio” e ” San Marco”, anche perchè quello era il loro territorio.

Ma ce n’era sempre per tutti, alcune volte in tale abbondanza da riuscire a farne una scorta, utile per barattare con qualsiasi altra cosa. I più grandi tenevano una parte per le ragazzine loro amiche, quelle più simpatiche e più carine. La ” Licia”, per chi l’ha vissuta, è un nome che a pronunciarlo, sa risvegliare una quantità di ricordi, che vanno ben oltre la nostalgica anche se piacevole rievocazione di una fabbrica di prodottti dolciari.

Per chi volesse una stampa delle foto storiche può passare in Via Verdi al n°20.

@riproduzione riservata.

 

Join the Discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



arrow
css.php

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi