La Chiesa Di Triulza.

La prima attestazione di un insediamento religioso a Triulza risale al XVII secolo, quando Francesco Goldaniga nel suo libro scrisse: Ha commodo oratorio con Cappellano quale ogni dì festivo insegna la Dottrina Cristiana e il suo Santo Titolare e padrone si è San Bernardo Abbate.

Questo moderno oratorio fu fondato nel secolo passato dalla famiglia Calza abitatrice di questa villa mentre l’antico e di piccol struttura era nel principio della strada che viene a Codogno, come per anco se ne mirano i resti.

Un’altra testimonianza sulla chiesa di Triulza è quella della madre di Suor Saverio Mantegazza, monaca triulzina delle Suore Missionarie del Sacro cuore ( suore Cabrini) che, in tarda età, riferì questo aneddoto: Nella chiesa di Triulza si trovava una bella statua della Madonna che rischiava di essere daneggiata in quanto l’oratorio di San Bernardo veniva aperto solo nei giorni festivi e nelle feste comandate: per questo la suddetta statua venne portata nella chiesa Parocchiale di Codogno e sostituita con una corrispondente statua di fattura più grossolana e dai lineamenti più fini.

La statua della Madonnina, molto cara alla comunità, viene ancora oggi portata in processione per le vie del paese nel giorno della Sagra, la terza domenica di Ottobre.

Racconto tratto dal libro di Giuditta Boffelli.

@riproduzione riservata.



arrow
css.php

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi