LA ME INFANSIA A CUDOGN.

Lessico Codognese

Sèri un fiol e ghèvi apena des ani, quand le scupiad la guèra. Amricordi chierin temp balard, ghèra miga tant da rid. Tanta pagira e una rèla dal diaùl. Ghèvom miga Cabundansa đúngò, tìm bodia po sa spaserom istes.Mi presempi sèri cùme un can sauss, andevi a snasùssà, pür da savè, pùr da imparà e podi ringrasia la mè memoria, sa gò present quèl co imparad.

Riccaboni.

Al dopà mesdi andèvom dai padri, che pou l’ê amò l’àratòri, adess ag disùn Centro Giovanile. Sarà ma mi am piasèra pusè alura quand cun vinghei tuderum la caneta da sgualiscia cullimon, i balet, i ciuchin o magari la patuna e dopu quand ghevùm pù gnanca un ghel in sacocia giughevom al balon cun Don Giusep, por òm, al faròm sempor tribulà, ma lì al na vurèva ben a tuti istess. Bei a negòr strac e vunci me nimai, sut sira bei cuntent andevom a cà.

Gianni Riccaboni

Il titolare del diritto d’autore potrebbe richiedere non solo la rimozione del materiale pubblicato in violazione delle norme indicate, ma anche il risarcimento dei danni che dimostrerà di avere patito in conseguenza della pubblicazione del materiale vietato.

 L. n. 633 del 22.04.1941

@riproduzione riservata.



arrow
css.php

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi