La forza dentro di noi, l’amore per se stessi.

Sono ormai due anni e mezzo che il mio matrimonio è finito.
Quando ho capito che il percorso con mio marito era arrivato al termine, quando l’ho realizzato non potendo più nascondermelo ,è stato un vero trauma. Il panico si è impossessato di me, tutto mi sembrava impossibile da superare, mi sentivo in trappola, in una prigione di massima sicurezza da cui era impossibile evadere se non lasciandoci le penne. Ansia, paura, sensi di colpa erano gli unici stati d’animo che riuscivo a vivere…
Ho portato avanti la mia prigione per molto tempo, arredandola con fiori colorati per distogliere la mia attenzione da quelli ormai senza più un petalo.
Luci artificiali che infondessero calore e nascondessero gli angoli ormai bui e lugubri…
incensi dal profumo famigliare per camuffare odori che non riconoscevo più come miei….
Tutto era artefatto perché dovevo sopravvivere ma più nascondevo, più il malessere aumentava, finché il mio corpo ha iniziato a ribellarsi alla mia mente. Il mio stomaco non tratteneva più niente e dopo di lui il mio intestino è andato totalmente in panne.
Non ancora convinta mi sono rivolta ad un gastroenterologo convinta di avere qualcosa di brutto e prendendomela con la vita ingiusta e crudele.
Non avevo nulla di clinico, dovevo affrontare la realtà…non c’era scampo.
Secondo il parere del medico il mio male era tutto nella testa. Lo odiavo per quello che sosteneva ma capii presto che aveva ragione…
Iniziai un percorso, spinta da poche parole pronunciate in un giorno qualunque, da una persona, che di me non sapeva nulla, ma che sapeva leggere a fondo negli occhi…
“Tuo figlio ha bisogno di una mamma che gli insegni ad essere coraggioso e non rassegnato “. Non dimenticherò mai quel giorno, quelle parole pesanti come un masso erano arrivate dritte dentro.
Quelle parole mi frullarono in testa per settimane finché decisi di comporre il numero della psicologa.
Lì è iniziato il mio vero percorso…
Lì ho capito, ho preso in mano la mia vita, ho affrontato il buio e la paura…
La paura è una brutta bestia fin dai primi anni di vita. Provate a pensare alle paure che avevate da bambini e che oggi vi sembrano assurdità… così in età adolescenziale e da ragazzi maturi. Allora sembravano mostri insuperabili, oggi sono ostacoli che abbiamo superato e vinto e dopo che sono stati superati ci si rende conto che per quanto fossero grandi li abbiamo vinti e ci hanno fatto crescere.
Questo è stato il mio percorso, ho affrontato le mie paure, i miei sensi di colpa e ho vinto. Ho aiutato mio figlio a capire che tutto si supera, non si possono evitare le difficoltà nella vita perché sono parte del percorso ma tutto si può e si deve superare.
In realtà abbiamo vinto tutti.


Vivere infelice avrebbe coinvolto nella mia infelicità anche mio marito e il mio bambino; cosa che stava accadendo inesorabilmente e oggi siamo tutti più forti, e comunque uniti, perché la verità può dividere in un primo momento ma poi passata la rabbia personale non può che unire. Oggi siamo ancora una famiglia, con vite separate , con rispetto e affetto.
Quello che è stato il mio percorso mi rende orgogliosa di me e della persona con cui ho messo al mondo una meravigliosa creatura. Non è stata una passeggiata ma abbiamo superato una difficoltà alla volta e ne siamo usciti bene per amore del nostro bambino.
La paura è sempre paura ma ho imparato che se la guardi in faccia la vinci sempre perché non è poi così potente come vuol farci credere. Dopo varie fasi necessarie, siamo ancora qua, a sostenere nostro figlio nel suo percorso di vita…
Oggi sono fiera di me, perché voglio vivere in trasparenza e voglio potermi amare senza bugie e inganni, amandomi in modo pulito e sincero posso rimandare lo stesso tipo di amore ad altri, ma prima di tutto al mio meraviglioso bambino…
Oggi so che dopo un forte temporale c’è davvero un meraviglioso arcobaleno ma per vederlo ci vuole molta umiltà e intelligenza, ci vuole amore e rispetto per sé stessi prima di tutto e per gli altri…
Ci vuole che bisogna volerlo…

Join the Discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



arrow
css.php

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi